La masturbazione femminile con i suoi tabù e le sue virtù: 10 consigli utili per appagarsi da sole, vivere bene questi momenti e conoscere la propria sessualità.

A causa di un approccio retrogrado rispetto al sesso, la masturbazione è stata per secoli, vista come un’attività negativa e si è tentato in tutti i modi di vietarla ai ragazzi.
La Chiesa cattolica afferma ancora oggi che la masturbazione è una perversione.
Alcuni genitori, soprattutto in passato, vietavano ai propri figli di toccarsi intimandoli con severe punizioni divine, causando spesso un blocco. Diventando così atti sporchi e tabù. Se la masturbazione maschile ultimamente è accettata con più serenità  e se ne parla in maniera giocosa e divertente in molti film e telefilm, ad esempio American Pie, la masturbazione femminile ancora non è pensata come un atto normale. La masturbazione è un aspetto della nostra sessualità  e quindi, non andrebbe trascurato perchè, pur essendo superficialmente solitario e privato, ha dei fantastici risvolti anche nella vita sessuale della coppia.
Infatti, l’autoerotismo in generale è un’attività sessuale che ha 2 vantaggi: 1.consente di iniziare davvero a conoscere meglio il proprio corpo, le sue reazioni, e rende consapevoli di quali cose piacciono e quali no;
2. consente di abbassare l’ansia legata al rapporto sessuale con il partner, soprattutto se si è giovani.

Le donne che magari ancora non hanno dimestichezza con il proprio corpo inoltre dovrebbero prendere 10 piccoli accorgimenti per rendere il tutto piacevole e andare oltre la semplice stimolazione fisica:

  1. un’esperienza da vivere con piacere, per esplorare il tuo corpo e scoprire cosa le eccita. Iniziando a scoprire poco a poco cosa più piace. Non c’è nulla di cui vergognarsi ma è importante la privacy;
  2. oltre alla privacy il momento di tranquillità è importante: se si fa tra un impegno e l’altro o in pochi minuti l’effetto non sarà molto positivo. E’ importante esplorarsi quando si ha tempo per sè e un reale desiderio;
  3. consigliabile usare il proprio immaginario erotico per eccitarsi o pensare ad una esperienza reale vissuta con trasporto e piacere;
  4. il tuo corpo ti parla. All’apice dell’eccitazione ci si può accoregere di alcuni segnali, come la lubrificazione della vagina ed una maggiore sensibilità  del clitoride;
  5. questi preliminari renderanno la stimolazione più piacevole e così divaricando leggermente le gambe si può iniziare a toccare la vulva con le dita o con un solo dito;
  6. con dei movimenti circolari, giocando con le dita verso l’entrata della vagina o anche penetrandola, il flusso di piacere aumenterà ;
  7. per rendere tutto più eccitante è molto importante la lubrificazione, quindi si può aggiungere un lubrificante semplice a base d’acqua, uno stimolante oppure uno che regala un effetto caldo/freddo;
  8. la stimolazione può interessare contemporaneamente altre zone erogene del corpo quali il seno ed i capezzoli;
  9. lasciandosi trasportare dalle sensazioni che si provano e dalle fantasie si può facilmente arrivare al massimo del piacere: l’orgasmo;
  10. il corpo femminile può essere esplorato in mille punti differenti e in tantissime posizioni differenti, anche con sex toys impegnativi come i dildo e i vibratori realistici, o design, e con giochi più per principianti come stimolatori clitorideivaginali.

Voi avete qualche altro consiglio per chi vuole iniziare a esplorare il proprio corpo sempre di più!!

Stay tuned, Stay sexy!